Matrimonio Blog | Consigli per le Nozze

Regole per la convivenza: ecco qualche dritta!

regole-convivenza

Andare a vivere insieme cambia le dinamiche di una coppia.

È un passo importante che va pensato bene e deve essere voluto da entrambe le parti. Se non è successo prima, avverrà sicuramente dopo la cerimonia nuziale. L’idea è meravigliosa: potrai finalmente stare insieme al tuo partner tutto il tempo in cui sarete a casa, potrete dormire, svegliarvi, mangiare, guardare cose insieme senza preoccuparvi di disturbare altri coinquilini o genitori. Tuttavia, vivere quotidianamente una persona può essere difficile perché non sempre ci si trova allineati a livello emotivo, di obiettivi o di desideri.

Vedendosi tutti i giorni, alcune cose potrebbero venir meno, mentre altre saranno sicuramente rafforzate. È lecito domandarsi se esistono delle regole per la convivenza che la rendano infallibile. In questo articolo proveremo a dare una risposta e qualche consiglio utile.

Scegliere la casa per la convivenza

Per convivere bene serve la casa giusta. È vero che la casa in cui andare a vivere dopo il matrimonio spesso è quella che ci si può permettere a livello economico o quella offerta dalle circostanze.

Nel caso in cui uno dei due futuri coniugi abbia una casa di proprietà adatta alle esigenze della coppia o di un immobile lasciato in eredità, sarebbe assurdo non approfittarne viste le attuali difficoltà economiche. Tuttavia, se non si hanno dei vincoli particolari, sarebbe bene scegliere insieme il nido d’amore. Bisognerebbe, infatti, cercare un luogo “neutro” che non abbia assorbito la personalità di uno dei due, ma che sia pronto a ospitarle entrambe. Un suolo vergine su cui edificare la propria vita in due con spazi condivisi e individuali.

Diciamo tanto che dopo il viaggio di nozze inizia finalmente la nuova vita della coppia. Allora, serve una casa nuova! Ovviamente, sarebbe meglio contestare l’immobile e dividere le spese anche quando si è sposati.

Come gestire i soldi quando si convive?

L’argomento “soldi” può sembrare un po’ fuori luogo quando si parla d’amore. Di certo, non è tra quelli che collegheremmo all’ideale romantico di matrimonio e di coppia. Tuttavia, è importante che si affrontino discorsi di tipo economico in una relazione, soprattutto quando si è sposati. D’altra parte, per quanto non ci piaccia ammetterlo, i soldi sono alla base della nostra sopravvivenza e sono spesso fonte di bisticci e di incomprensioni. Quindi, meglio essere chiari sin da subito.

È importante che ciascuno abbia la propria indipendenza economica ma, allo stesso tempo, bisogna condividere parte di ciò che si ha visto che molte spese sono in comune. Prendiamo la spesa, le bollette, i pranzi fuori della coppia… sarebbe assurdo dividere tutto!

Come fare? Mantenete separati i conti in banca e create una cassa comune da riempire all’inizio di ogni mese. Stabilite insieme la cifra che ognuno metterà: potete scegliere di fare a metà o di dividere la quota in maniera proporzionale alle risorse di ciascuno. Usate i soldi di questa cassa per tutte le spese che hanno a che fare con la casa e con la vostra vita di coppia. Ci sono tantissime applicazioni che vi possono aiutare nella gestione economica della casa.

Insieme o divisi?

È importante condividere dei momenti insieme durante la giornata. Alla base di una buona convivenza (ma potremmo dire “di una buona relazione”) c’è il dialogo. Bisogna comunicare in maniera assertiva e trovare delle cose da fare insieme per consolidare il legame di coppia. Sarebbe bene anche cercare di evitare la routine trovando sempre nuovi spunti per movimentare la vita insieme.

Tuttavia, è importante anche preservare i propri spazi. Idealmente, ognuno dei due dovrebbe avere in casa una stanza per sé dove tenere le proprie cose e avere modo di esprimere la propria individualità. Se questo non è possibile, potreste accontentarvi di alcuni angoli della casa. Inoltre, entrambi dovreste mantenere i vostri rapporti con gli amici anche a prescindere dalla coppia. Non uscite sempre a quattro o insieme a tante altre coppie! Trovate il modo di coltivare rapporti anche da soli. Mantenere la vostra indipendenza vi aiuterà a vivere ancora meglio i momenti in coppia.

Rispettare la privacy

Proprio in nome dell’indipendenza e dell’individualità di ciascuno dei due, cercate di rispettare la vostra privacy. Anche se siete sposati e vivete insieme non dovete condividere per forza tutto al 100%. Se uno dei due vuole mantenere il segreto sulle password dei suoi social o sul suo telefono, è bene lasciarglielo fare. Non perché si debba fare qualcosa di male, ma solo per rispettare i confini dell’altra persona.

Chi si occupa delle pulizie in casa?

Ormai siamo nel 2021 e l’idea che le mansioni domestiche siano legate al genere dovrebbe essere superata. Non è sempre così nei fatti, ma è importante continuare a impegnarsi perché piano piano non esista più il discorso che la donna deve occuparsi delle faccende domestiche mentre l’uomo è a lavoro.

Perché non dividersi i compiti? Se a uno dei due piace più cucinare, potrebbe prendersi l’incarico di farlo regolarmente, mentre l’altro lava i piatti o apparecchia. Si potrebbero stabilire dei turni di pulizia oppure farle insieme così da rendere le operazioni molto più veloci.

Se nessuno dei due è bravo o particolarmente volenteroso, potreste pensare di assumere un collaboratore o una collaboratrice che si occupi della casa.

Come discutere quando si convive

Lasciar perdere una discussione o distrarsi per sbollire la rabbia è più difficile quando si convive. Dividendo gli stessi spazi, non si ha la possibilità di dormirci su e di riparlarne il giorno dopo senza essere sempre a contatto con il problema.

Tuttavia, questa condizione può rivelarsi positiva per la coppia perché può spingervi a parlare di più, meglio e a trovare più compromessi. Ricordate che essi sono alla base di un buon rapporto. Nessuno dei due dovrebbe accontentare l’altro in ogni cosa a scapito di ciò che desidera per se stesso/a. Ma, grazie al confronto, si può trovare la via di mezzo.

La buona convivenza dipende dall’amore

Alla base di una buona convivenza c’è l’amore.

Sembra quasi banale dirlo, ma è importante. Solo il grande affetto che provi per una persona può spingerti ad accettarla anche per i suoi difetti, a emozionarti per il tempo passato insieme, a impegnarti per migliorare la relazione.

L’amore va coltivato con impegno, ma quando c’è rende sicuramente tutto più semplice. E magico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *